Solare termico
Impianti a terra o su edificio

Solare termico

Il solare termico è un sistema grazie al quale è possibile immagazzinare energia sotto forma di calore. Questa energia può essere utilizzata per vari scopi: produzione di acqua calda sanitaria e integrazione per il riscaldamento.

Esistono varie tipologie di sistemi: con collettori piani, tubolari sottovuoto, con circolazione naturale o forzata. Ciascuno di essi ha le sue peculiarità ed i suoi difetti. Tutti in comune hanno il problema dell’ inclinazione, quasi mai i tetti in cui sono installati hanno un orientamento ed un inclinazione ottimali per il loro funzionamento, la produzione quindi risulta spesso scarsa e sovradimensionata nei periodi di minor consumo (estate). Questo aspetto porta molti installatori a sovradimensionare la superficie captante con il rischio che in estate il sistema vada in sovratemperatura provocando, oltre agli ovvi pericoli per le persone, la possibile distruzione del sistema stesso.

Come fare allora? Noi abbiamo scelto di proporre ai nostri clienti sistemi solari termici “a svuotamento”, presenti sul mercato già da alcuni anni, prodotti solo dalle aziende di alto livello, risolvono il problema alla radice. Il sistema infatti, raggiunta la temperatura richiesta nell’ accumulo, svuota il circuito solare evitando così qualsiasi inutile sollecitazione. Inoltre la pressione del circuito è bassa (l’accumulo è un “vaso aperto”) e ciò assicura lunga vita ai componenti. In questo modo se le condizioni di posa non sono ottimali per l’utilizzo, si può tranquillamente sovradimensionare il sistema senza alcun rischio.

Fatta questa premessa, per noi molto importante nel consigliare in nostri clienti, vale la pena approfondire un altro aspetto, spesso si sente parlare di solare termico per integrazione del riscaldamento, si trovano pannelli solari collegati a caldaie che lavorano su  termosifoni, in cui le temperature di mandata dell’ acqua sono normalmente elevate (70-80°C), in queste condizioni, in inverno, il solare termico è praticamente inutile in quanto con le poche ore di luce e lo scarso irraggiamento nessun pannello può essere significativamente d’aiuto alla caldaia.

Diverso è il caso in cui si lavori con sistemi a bassa temperatura (30-40°C), come i sistemi radianti abbinati a pompe di calore o caldaie a condensazione, in questi casi invece il contributo del solare termico è significativo e ne giustifica il costo, aiutando il sistema ad essere più efficiente e quindi a rientrare prima dell’ investimento.

Come in tutte le cose non esiste una soluzione a zero difetti, ma noi siamo convinti che questa sia quella con i maggiori pregi e la minima manutenzione.

Provvederemo a fornirti la documentazione per l’accesso agli sgravi fiscali previsti dal Governo per gli impianti solari.

 

Per approfondimenti visita le seguenti pagine: